blog di Antonio De Napoli

Maria non parla spagnolo.Chevron nemmeno

In non del mondo on 25 febbraio 2011 at 22:35

25 febbraio 2011 – “Anche se neppure tutto il denaro del mondo può pagare la perdita delle vite umane e i danni irreparabili dell’ecosistema, la cosa più importante ora è dimostrare al paese e al mondo intero che non bisogna arrendersi e che è possibile ottenere giustizia anche contro un gigante come Chevron”. È il commento di Luis Yanza e Pablo Fijardo, avvocati delle popolazioni indigene che hanno accusato il colosso petrolifero di aver rovinato le loro vite e i loro territori, qualche mese prima della sentenza.

E la sentenza storica che le popolazioni indigene abitanti della foresta amazzonica ecuadoriana aspettavano da quasi 18 anni è finalmente arrivata. La condanna alla Chevron (ex Texaco) multinazionale statunitense del petrolio, è stata pronunciata lo scorso 14 febbraio. Anche se gli oltre otto milardi di dollari che l’azienda dovrà versare non riporteranno i morti in vita, non guariranno le persone che oggi lottano contro malattie come cancro e leucemie, non risaneranno l’ambiente irreparabilmente compromesso, il significato simbolico che una grande multinazionale venga riconosciuta colpevole di danni contro l’ambiente è sicuramente di grande impatto.

Gli abitanti della zona amazzonica nord orientale del paese, non lontano dalla frontiera colombiana che lottano da oltre 17 anni contro il gigante statunitense Texaco – oggi Chevron – si sono organizzati per chiedere giustizia per quello che viene considerato il peggiore disastro petrolifero della storia. I danni irreparabili che la compagnia statunitense ha portato nelle loro terre e nelle loro vite, durante gli oltre 25 anni in cui ha operato nel Paese sono enormi Politiche disumane che hanno contaminato terra, acqua e aria, portato malattie fino ad allora sconosciute che oggi colpiscono in queste zone in percentuali altissime, principalmente donne, anche se non compaiono in nessuna statistica. La compagnia è accusata di aver scaricato 464,8 milioni di barili (pari 16,27 milioni di litri) di acque contaminate da particelle di idrocarburi e metalli cancerogeni nei fiumi che attraversano le regioni di Sucumbios e Orellana, provocando – oltre a tutti gli altri danni – anche la contaminazione delle falde acquifere.

Due delle oltre quaranta etnie indigene presenti nella zona, sono completamente scomparse durante i primi cinque anni di attività estrattiva. Negli anni ’90 la compagnia simulò una bonifica dei territori, ma poi i supervisori Chevron vennero incriminati per falsificazione dei documenti che ne attestavano la bonifica. Tra le richieste della FEDAM anche l’installazione di un sistema sanitario che permetta di diagnosticare, curare e studiare i casi di cancro e un programma culturale che garantisca il recupero delle culture indigene.

(Fonte: unimondo.org)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: